Decreto green pass: dal 15 ottobre 35.000 operatori delle Forze dell’ordine rischiano di non essere ammessi in servizio

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Dal giornale online money.it riprendiamo una notizia che induce preoccupazione nel momento in cui le Forze dell’ordine sono chiamate a reprimere movimenti di piazza violenti, soprattutto di Forza Nuova e No green pass.

Secondo il giornale ci sarebbero dei settori lavorativi che dal 15 ottobre, giorno della stretta sui green pass, rischiano di andare in tilt per mancanza di personale. Un problema che potrebbe riguardare da vicino alcuni dei comparti più
importanti della Pubblica Amministrazione, ossia Difesa, Sicurezza e Soccorso pubblico.
Ancora oggi, infatti, ci sono carabinieri, poliziotti e finanzieri senza green pass i quali già alla fine di questa settimana non potranno recarsi a lavoro se sprovvisti di certificazione.

Per di più si tratta di settori dove già si rivela una carenza di personale, con addetti di età media piuttosto avanzata, e crediamo che la situazione si aggraverà se chi non ha green pass non sarà ammesso in servizio, come prevede il decreto. Fatti i conti sembra che siano almeno 35.000 i poliziotti, carabinieri e finanzieri che non si troverebbero nella condizioni stabilite dal decreto.

Una vicenda che potrebbe portare a una situazione molto complicata dal 15 ottobre prossimo. giorno dal quale potrebbero partire nuove proteste, con situazioni difficili da gestire con personale ridotto all’osso.

Leggi anche:   Green pass, Asl Toscana Centro: controlli a campione sui 15mila dipendenti