Autovelox Firenze: sono tutti legittimi in base a nuovo decreto del 2020, lo comunica Aduc

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Dopo la sentenza della Cassazione che ha sostanzialmente dichiarato fuorilegge alcuni autovelox, fra i quali quello di viale Etruria a Firenze, Aduc, Associazione degli utenti consumatori lancia l’allarme. Gli Autovelox di Firenze oggi, in base a un nuovo decreto del settembre 2020, sono tutti legittimi. Le violazioni che possono essere annullate dunque sono solo quelle commesse e contestate prima di tale data. Ecco il comunicato dell’Associazione:

«Ha fatto notizia che un giudice d’Appello di Firenze ha confermato la condanna del Comune per impropria installazione dell’autovelox in viale Etruria. Una condanna in più rispetto anche a numerose sentenze di Cassazione che, anche per altri viali, hanno sempre condannato il Comune. Dal 2010, quando Aduc si è attivata in materia, migliaia di ricorsi che abbiamo fatto presentare sono quasi sempre risultati vincenti.

Ma, attenzione, questa sentenza di oggi e le precedenti riguardano fatti antecedenti il 2020, quando la legge indicava certe caratteristiche per le strade su cui potevano essere installate queste macchinette automatiche, e il Comune le violava.

A settembre 2020, col decreto semplificazioni (120/2020), il legislatore ha dato una mano alle irregolarità fiorentine, e non solo. Invece di imporre ai Comuni di rivedere le installazioni, è stata cambiata la legge: autovelox automatici sono possibili in tutte le strade urbane… quindi anche in piazza Signoria….

Il problema è stato quindi risolto facendo deroga alla sicurezza stradale e accettando di fatto le irregolarità del Comune. Che, purtroppo, si è ben guardato dal rivedere la propria politica in materia, per esempio non multando a gogo chi sfora i 50 KmH (facilissimo sui viali) ma mettendo dissuasori di velocità. Il Comune ha gioito vedendo confermata la sua politica di introiti finanziari dalle multe, continuando a venir meno alla propria vocazione di informatore ed educatore verso gli automobilisti indisciplinati: siamo sicuri che educhi meglio (e generi maggiore sicurezza) una multa che non evitare che il conducente violi il codice?

Vincenzo Donvito, Aduc»

Leggi anche:   Vertice centrodestra: marciamo compatti per elezione capo dello Stato, lo dicono Berlusconi, Meloni e Salvini