Brunello di Montalcino: i produttori bruciano paglia per salvare i vigneti dal gelo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Contro le gelate, che rischiano di devastare il prossimo raccolto, i produttori del famoso Brunello di Montalcino sono corsi ai ripari: bruciando paglia bagnata fra i filari dei vigneti per cercare di proteggerli. «Oggi all’alba – ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci – la temperatura è scesa sotto lo zero ma i danni sono limitati: buona parte delle gemme sono ancora dormienti e per le altre ci affidiamo a una seconda germogliazione. Il danno c’è stato – ha concluso – ma la seconda vegetazione rimetterà in parte le cose a posto».

Nel frattempo, da ieri sera 7 aprile fino alla’lba di stamani 8 aprile, come detto, diversi produttori si sono adoperati per scaldare l’aria bruciando grandi rotoli di paglia posizionati nei vigneti. L’obiettivo, spiega il Consorzio, è generare fumo e calore a bassa altezza bruciando lentamente la paglia bagnata. Il risultato visivo è suggestivo, quello sui vigneti lo si scoprirà tra qualche giorno.

Ernesto Giusti

Leggi anche:   Toscana: vento e neve, codice giallo anche in aprile