Nardella: sono rimasto nel Partito democratico, no a Italia Viva

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Se avessi voluto entrare in Italia Viva lo avrei fatto fin dall’inizio. Ho sempre detto che secondo me le battaglie vanno fatte dentro il Partito democratico. Il nostro e’ un grande partito, plurale, ha tanti problemi ma anche tante potenzialita’ ed opportunita’, quindi non mi pento di essere rimasto nel Pd, anzi sono ancora piu’ convinto di prima che sia importante cambiare il Pd per cambiare la politica del nostro Paese”. Lo ha detto il sindaco Dario Nardella a chi gli ha chiesto, nel corso di una diretta svoltasi sulla pagina Facebook del Pd Firenze, se non intenda passare ad Italia viva, partito guidato da Matteo Renzi.

C’e’ un rischio nel nostro partito e cioe’ quello di perdere un po’ la nostra identita’ in nome della cosiddetta responsabilita’ del governo-ha aggiunto Nardella-. Se guardiamo alla storia del Pd in tante occasioni siamo stati noi a dover fare il primo passo e a fare il gesto di responsabilita’. Dobbiamo prima di tutto curare l’identita’ e la missione del nostro partito ed a volte a furia di compiere atti di responsabilita’, di fare rinunce, di cercare compromessi pur di
rimanere al governo, abbiamo rischiato di perdere la bussola ed in qualche occasione l’abbiamo persa per davvero.

Leggi anche:   Lucca: parroco indagato per morte parrocchiano caduto dal tetto