Reingegnerizzazione e innovazione processi interni a Pubblica Amministrazione, Siena tra i primi Comuni ad attivare percorsi formativi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

(AGIPRESS) – SIENA – Preparare i dipendenti del Comune per la necessaria reingegnerizzazione dei processi organizzativi, tecnologici ed amministrativi interni della nuova era del superamento del digital divide finanziata con le risorse comunitarie del “Recovery Plan”. Con questo obiettivo l’Amministrazione comunale di Siena ha approvato il Progetto di intervento denominato “La transizione al digitale: un intervento anticipatore del ‘Piano di ripresa e resilienza’ del Governo nazionale”. Il Progetto elaborato “a 4 mani” con i tecnici di Centro Studi Enti Locali – società di San Miniato (Pi), che è da 21 anni uno dei soggetti leader in Italia nell’ambito della consulenza contabile, giuridica e amministrativa per gli Enti e delle Società pubbliche – è stato presentato nel corso di una conferenza stampa nella Sala delle Lupe di Palazzo Pubblico e ha visto la partecipazione, tra gli altri, del vice Sindaco Andrea Corsi, del Segretario generale Andrea Pinzuti e, Nicola Tonveronachi, Amministratore delegato di Centro Studi Enti Locali. Per la sua elaborazione si è tenuto conto del processo evolutivo, gestito dal Governo italiano, dal Parlamento italiano, e dalle Istituzioni italiane e comunitarie preposte, delle prime “Linee-guida” che il Governo italiano ha presentato nel mese di settembre 2020 al Parlamento nazionale per il cosiddetto “Piano nazionale di Ripresa e Resilienza” (“Pnrr”), elaborato nell’ambito delle azioni da finanziarie con il “Recovery Fund” ed il “Quadro finanziario pluriennale”. “Oggi – ha detto il vice sindaco Andrea Corsi – abbiamo l’occasione di dare organicità a tutti gli interventi già intrapresi dall’Amministrazione nella direzione della digitalizzazione e di investire in maniera vigorosa sulla formazione di quelle competenze che ci permetteranno di intercettare tutta una serie di fondi che l’Ue metterà a disposizione per questo tipo di intervento. Stiamo investendo nella qualità delle persone dando sostanza all’idea che se i Comuni lavorano con persone con qualità, tutto questo si riverbera anche sui cittadini”.

Il Percorso rappresenta quindi un intervento innovativo, ed anticipa quanto potrà e dovrà accadere nel corso del 2021 in Europa, nei Paesi membri dell’Unione Europea, ed in Italia, con l’inizio dei processi attuativi degli strumenti finanziari comunitari attivati per il contrasto, prima, e la “Recovery”, poi, alla pandemia derivante dalla diffusione del “Coronavirus”. In altre parole, il Comune di Siena interviene immediatamente su driver quali la cultura gestionale pubblica e le innovazioni di processo, della propria struttura organizzativa, necessarie a modificare in miglioramento ed in ottimizzazione il rapporto con i cittadini/contribuenti/utenti, sia per superare definitivamente “colli di bottiglia”, “muri insormontabili” o “passaggi stretti” ancora esistenti negli strumenti tecnici e tecnologici a disposizione, sia per consentire alle proprie risorse umane di alimentare piuttosto che inseguire la semplificazione amministrativa e il mondo digitale applicato al lavoro ed ai servizi (pubblici e privati), conseguendo maggiore efficienza gestionale e favorendo direttamente ed indirettamente il rapporto con il cittadino/contribuente/utente. In conclusione, l’Amministrazione comunale di Siena inizia oggi una sperimentazione di interventi mirati sulla propria struttura organizzativa e sui propri strumenti di prodotto e di processo, creando se possibile una “buona pratica” che faciliti (in quanto anticipatore) l’illuminato orientamento delle risorse del “Recovery Fund” e degli altri strumenti finanziari creati dall’Unione Europea per affrontare e superare in recupero i danni sanitari, sociali ed economici causati dalla pandemia e dal lockdown. In questo modo, il Comune di Siena si candida ad essere un Ente sperimentatore ed anticipatore delle iniziative del Governo nazionale utili ad indirizzare le risorse che arriveranno dal Bruxelles dal 2021 anche alla P.A. nazionale, regionale, e locale. AGIPRESS

Leggi anche:   Disservizi, chiusure a giorni alterni o riduzioni di orario: Regione e Anci Toscana incontrano Poste Italiane