Coronavirus in Toscana: 67 morti, strage inaccettabile, oggi 25 novembre. E 986 contagi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Tristissimo record di morti per coronavirus, oggi 25 novembre in Toscana: addirittura 67, 34 donne e 33 umini con età media di 82 anni. E non significa nulla se, come precisano le Asl, nel computo ci sono morti dei giorni scorsi. Se comunicati in tempo avrebbero solo aumentato la sconvolgente addizione. Purtroppo si parla di persone, non di numeri. E questa cifra è decisamente superiore ai giorni scorsi. Che deve far riflettere politici e amministratori su cosa avremmp dovuto fare, a livello di prevenzione eppoi di assistenza sanitaria per impedire una simile strage. Che si ripropone, giorno dopo giorno. Sono, fortunatamente, inferiori a mille i nuovi contagi: esattamente 986 (625 identificati in corso di tracciamento e 361 da attività di screening). L’età media dei 986 casi odierni è di 50 anni (il 14% ha meno di 20 anni, il 18% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 23% tra 60 e 79 anni, l’11% ha 80 anni o più). In totale, da inizio pandemia, i positivi toscani salgono a 97.976.

E torniamo al punto dolente di questa cronaca quotidiana dedicata al coronavirus in Toscana: i 67 decesi, numero altissimo. 34 donne e 33 uomini con età media di 82 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 25 a Firenze, 4 a Prato, 3 a Pistoia, 7 a Massa Carrara, 4 a Lucca, 8 a Pisa, 5 a Livorno, 8 a Arezzo, 2 a Grosseto, 1 residente fuori Toscana. Sono 2.378 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 872 a Firenze, 148 a Prato, 181 a Pistoia, 276 a Massa Carrara, 237 a Lucca, 254
a Pisa, 150 a Livorno, 124 ad Arezzo, 63 a Siena, 50 a Grosseto, 23 persone sono decedute in Toscana, ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 63,8 x100.000 residenti contro il 85,0 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (141,6 x100.000), Firenze (86,2 x100.000) e Pistoia (61,9 x100.000), il più basso a Grosseto (22,6 x100.000).

I guariti crescono del 5,3% e raggiungono quota 46.318 (47,3% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.494.998, 14.843 in più rispetto a ieri, di cui il 6,6% positivo. Sono invece 6.682 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 14,8% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 3.027 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 49.280, -2,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.040 (27 in meno rispetto a ieri), di cui 286 in terapia intensiva (10 in meno).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 27.640 i casi complessivi ad oggi a Firenze (252 in più
rispetto a ieri), 8.685 a Prato (107 in più), 8.455 a Pistoia (107 in più), 6.134 a Massa (54 in più), 9.710 a Lucca (133 in più), 13.370 a
Pisa (91 in più), 6.885 a Livorno (83 in più), 9.078 ad Arezzo (78 in più), 4.020 a Siena (22 in più), 3.444 a Grosseto (59 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 466, quindi, i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro (somma delle province di Firenze, Prato, Pistoia), 361 nella Nord Ovest (Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno), 159 nella Sud est (Arezzo, Siena, Grosseto). La Toscana si trova al 7° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 2.627 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 2.411 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 3.370 casi x100.000 abitanti, Pisa con 3.191, Massa Carrara con 3.148, la più bassa Siena con 1.505.

Leggi anche:   Poliziotti contro Gianna Nannini. In un video raffigura agenti come maiali

Complessivamente, 47.240 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (1.399 in meno rispetto a ieri, meno 2,9%). Sono 47.353 (2.257 in meno rispetto a ieri, meno 4,5%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 16.570, Nord Ovest 20.869, Sud Est 9.914).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 2.040 (27 in meno rispetto a ieri, meno 1,3%), 286 in terapia intensiva (10 in meno rispetto a ieri, meno 3,4%). Le persone complessivamente guarite sono 46.318 (2.345 in più rispetto a ieri, più 5,3%): 2.656 persone clinicamente guarite (51 in più rispetto a ieri, più 2%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 43.662 (2.294 in più rispetto a ieri, più 5,5%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Gilda Giusti