Giornalisti: fotoreporter preso a pugni. Ast: tutelare il diritto di cronaca. Appello al Prefetto

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il presidente Sandro Bennucci e tutti gli organismi dirigenti dell’Associazione Stampa Toscana denunciano, non senza indignazione, la gravissima aggressione subito stamani, 31 ottobre, dal fotoreporter Tommaso Germogli, de La Nazione, che stava facendo un servizio al mercato di Scandicci su assembramenti e rispetto delle norme anti-covid .Tommaso è stato preso a pugni, a quanto pare da un venditore ambulante, ed è stato portato in ospedale, dove gli è stato diagnosticato trauma cranico guaribile in 7 giorni. Sono intervenuti i carabinieri che stanno indagando sull’episodio. Che è gravissimo e ripropone il rischio al quale sono sottoposti i giornalisti in prima linea. Giornalisti che, anche la notte scorsa, hanno lavorato nel centro di Firenze invaso dalla guerriglia, per raccontare e documentare.

L’Associazione Stampa Toscana, oltre ad augurare una pronta guarigione a Tommaso, il più giovane di una generazione di fotoreporter, rivolge un nuovo appello al prefetto, Laura Lega, e alle forze dell’ordine affinchè il lavoro dei giornalisti, e il diritto di cronaca, vengano tutelati nel modo dovuto. Ma il sindacato si rivolge anche a politici e amministratori, perchè vengano evitati certi riferimenti al mondo dell’informazione, che in momenti delicati come questo possono essere fraintesi, esponendo chi deve lavorare in mezzo alla gente per raccontare, a reazioni vigliacche, scomposte, inaccettabili.

Gilda Giusti

Leggi anche:   Covid-19 scuola: flop del governo, centinaia di classi tornano in Dad