Aspi: termine offerta scade il 18 ottobre. Ancora qualche nodo da sciogliere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Prosegue il conto alla rovescia in vista della scadenza del 18 ottobre prossimo, giorno in cui, secondo la deadline, indicata da Atlantia per il termine del periodo di esclusiva, è attesa la presentazione di un’offerta per Aspi. Giornate intense e cruciali in cui si trattando per superare quegli scogli che finora si sono rivelati insormontabili e non hanno consentito di arrivare a una soluzione condivisa. E, secondo quanto riferiscono fonti vicine al dossier, i punti più caldi rimarrebbero, al momento, ancora aperti: c’è il nodo della manleva chiesta da Cdp che si lega a un altro nodo, quello del prezzo di Autostrade per l’Italia, la cui valutazione sarebbe compresa in una range tra i 10 e 12 miliardi.

Tra le ipotesi sul tappeto, ci sarebbe quella di includere la manleva sul prezzo, che, nei fatti, porterebbe a uno sconto ma si valuterebbero anche meccanismi di indennizzo. C’è poi, sullo sfondo, il nuovo piano economico finanziario da sottoscrivere. Si tratta di vedere se altri tre giorni saranno sufficienti per superare questi ostacoli. Ma, nonostante le difficoltà, l’obiettivo è quello di arrivare con una proposta all’appuntamento di domenica. Il consiglio di amministrazione di Atlantia è convocato per lunedì sera. Non sarebbe ancora convocato invece il board di Cdp e non è escluso che siriunisca tra domenica e lunedì. C’è poi l’architettura societaria che si sta definendo in queste ore per rilevare l’88% di Aspi. Sarebbe prevista la costituzione due newco. La prima che vede Cassa Depositi e Prestiti al 51% e gli investitori internazionali al 49% (i riflettori sono puntati su Blackstone e Macquarie) ; in un secondo momento, una seconda newco congli investitori istituzionali italiani, sempre secondo uno schema con Cdp al 51% e i secondi al 49%. Un’operazione complessa che, sottolineano le stesse fonti, richiederà tempo. Se Atlantia valuterà congrua l’offerta di Cdp, si aprirebbe una fase di trattativa in esclusiva di 10 settimane per svolgere la due diligence e per presentare quindi l’offerta definitiva. Calendario alla mano, questo dovrebbe avvenire tra le fine dell’anno e l’inizio del 2021.

Leggi anche:   Champions: Atalanta fa poker in Danimarca (0-4). Lukaku salva l'Inter col Borussia Mgb (2-2)