Parigi: insegnante decapitato da sospetto terrorista, abbattuto dalla Polizia francese

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Secondo le prime informazioni, i fatti si sono svolti attorno alle 17 davanti ad una scuola nel dipartimento delle Yvelines,nella banlieue parigina. Il presunto omicida, armato di un coltello, ha minacciato le forze dell’ordine, che lo hanno ucciso nel vicino comune di Eragny, nel dipartimento di Val-d’Oise. Fosse successo in Italia gli agenti sarebbero stati messi subito sotto inchiesta.

A quanto scrive le Figaro, la polizia ha poi trovato accanto a lui un corpo decapitato. Gli agenti non hanno potuto avvicinarsi perché l’aggressore portava un giubbotto esplosivo. Ora è in corso un’operazione per disinnescare eventuali esplosivi. La procura antiterrorismo ha aperto una inchiesta per omicidio in relazione ad una impresa terrorista e associazione a delinquere terrorista. A quanto scrive Le Parisien, l’uomo decapitato sarebbe un insegnante e l’omicida il genitore di un alunno. Il professore avrebbe recentemente parlato in classe della libertà di espressione mostrando anche delle caricature di Maometto.

L’uomo che ha decapitato un insegnante alla periferia di Parigi avrebbe pubblicato su Twitter la foto dell’omicidio. Lo scrive france Info. Secondo l’emittente, l’aggressore non sarebbero il genitore di un alunno, come scritto da altri media, ma un 18enne. L’insegnante aveva mostrato ai ragazzi delle caricature di Maometto, in un episodio che aveva fatto rumore nella scuola e fra gli abitanti del piccolo comune.

«Un professore decapitato per aver mostrato le caricature di Charlie Hebdo: è il livello di barbarie insostenibile in cui si trova la Francia. L’islamismo ci fa la guerra:dobbiamo cacciarlo con la forza dal nostro paese». Lo ha scritto su Twitter Marine Le Pen, leader del partito francese di estrema destra Rassemblement National dopo la decapitazione di un insegnante alla periferia di Parigi, sulla quale indaga la procura anti terrorismo.

Il ministro dell’Interno francese, Gerald Darmanin, ha parlato urgentemente con il presidente Emmanuel Macron dopo la decapitazione di un uomo alla periferia di Parigi e tornerà stasera in Francia da una missione in Marocco. Lo riferisce LeFigaro.

Leggi anche:   Regione Toscana: Giani completa la giunta (Aula convocata domani alle 15)