Addio a Fino Fini: al funerale Antognoni, De Sisti, Joe Barone, Furio Valcareggi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Ultimo saluto a un pezzo di storia del Calcio e della Nazionale azzurra. Al funerale di Fino Fini, Joe Barone, direttore generale della Fiorentina, ha commentato: «Siamo qui per rispetto nei confronti di Fino Fini e per tutto quello che ha fatto nel mondo del calcio, soprattutto nella Nazionale. Il nostro ricordo è legato soprattutto a Giancarlo Antognoni durante il Mondiale del 1982, allorchè cerco’ di rimetterlo a posto per la finale che poi dovette saltare. E’ una persona importante per il Museo del calcio, che merita tanto, speriamo che tutti i giovani possano seguire il suo esempio».

Alle esequie di Fino Fini, nella chiesa di Sant’Antonino a Bellariva, oltre al presidente del settore tecnico della Figc, Demetrio Albertini e all’attuale direttore del centro tecnico di Coverciano, Maurizio Francini, anche Furio Valcareggi, figlio dello storico ct azzurro, Ferruccio. Che ha detto: «Lo ricordo nel legame con mio padre negli anni vissuti a Coverciano. Proprio per quanto ha fatto al centro tecnico federale, credo che Fini vada omaggiato e salutato con grande rispetto. E’ stato un compagno di vita ed eccellente medico della Nazionale e creatore di un’eccellenza nel mondo del calcio come il Museo di Coverciano dove è collezionata la storia del nostro sport principale. Se n’e’ andato a 92 anni, dopo una bella vita vissuta a pieno, ci lascia tristi perchè se ne va una figura importante del calcio».

Giancarlo De Sisti, ex capitano ed ex allenatore della Fiorentina e azzurro al Mondiale del 1970, ha ricordato: «Fino Fini è stato un
amico ed un grande professionista. Non ti faceva sentire malato, anche quando non stavi bene, ti tirava su con qualche battuta. E’ diventato nel tempo una persona di famiglia, fraterna. Un aneddoto legato a lui? Aveva grande ostinatezza ed era determinato sempre a voler avere ragione. Aveva una tempra unica».

Paulo Soares

Leggi anche:   Coronavirus, bollettino del 25 ottobre: 128 morti (totale 37.338), ma i contagi salgono a 21.273. 1.208 ricoverati in terapia intensiva