Open Arms: Tria, ex ministro economia, responsabilità fu solidale di tutto il governo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Ho sentito parlare di interesse pubblico: per quel Governo quello era interesse pubblico. L’informazione stava sui giornali, chi non era d’accordo poteva esprimersi. Ci sono responsabilita’ collegiali. Non mi ricordo che qualcuno si sia espresso. Mi sembrava una decisione molto simile a tutte quelle precedenti. Non voglio dire quello che pensavo perche’ faccio parte di quel Governo: la responsabilita’ e’ ovviamente collegiale e tirarsene fuori dopo non e’ elegante». Questo il commento dell’ex ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria a”Stasera Italia News” su Retequattro in merito all’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Open Arms.

«Oggi abbiamo assistito ad una squallida e strumentale operazione politica. Matteo Salvini ha agito in qualità di ministro dell’Interno e le sue iniziative sono state condivise in modo collegiale dal governo Conte uno. I decreti sicurezza e la gestione dell’emergenza immigrazione sono stati punti fondanti dello scorso esecutivo. Il premier di allora è lo stesso di oggi. I 5 Stelle non possono negare di aver sostenuto quelle norme e le conseguenti decisioni. Questo fa pensare che l’intento sia solo quello di colpire un avversario per evidenti ragioni opportunistiche. Questo è un problema per la giustizia, per la separazione tra poteri oltre che un pericoloso precedente’». Lo afferma Francesco Cannizzaro, deputato di Forza Italia

Leggi anche:   Conte e Zingaretti contro Salvini, il negazionismo fa danni