Commisso: mi batterò perché il popolo viola sia rispettato. Critiche all’utilizzo del Var

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

«Ho visto un giocatore sopra tutti gli altri, che con la maglia Viola e il numero 7 ha fatto davvero divertire me come credo tutti gli appassionati che amano il bel calcio. Frank Ribery considerando la sua eta’ e il recupero fisico dopo un lungo infortunio e’ stato fenomenale, e’ un esempio per tutti». Cosi’ il Presidente Rocco Commisso dagli Stati Uniti interviene sulla buona prestazione di ieri sera della Fiorentina contro la Lazio. «Anche la squadra ha fatto una bella prestazione. Poi vedendo le immagini e sentendo e leggendo i commenti internazionali delle televisioni, dei siti e dei social media con molte critiche relative alla gestione arbitrale della gara, mi viene da chiedere come mai dopo piu’ esempi che hanno riguardato non solo la Fiorentina ma anche tante altre squadre, non e’ stato ancora deciso un utilizzo piu’ significativo e sopratutto utile della tecnologia e del VAR nello specifico. Come ho fatto presente gia’ diversi mesi fa, continuo infatti pensare che debba essere data la possibilita’ alle squadre di richiamare gli arbitri all’utilizzo del VAR, con regole da definire, cosi’ da permettere a tutti di non avere dubbi
e di avere la certezza che tutto e’ stato giudicato nel migliore modo possibile. Su questo tema continuero’ a essere la prima persona che si battera’ per il rispetto della Fiorentina e del Popolo Viola e per il calcio italiano in generale. La buona notizia e’ che ho visto una squadra in crescita e voglio fare i miei complimenti ai ragazzi. Ora l’attenzione va
alla partita di mercoledi’ con il Sassuolo e la speranza e’ che ognuno ricopra al meglio il proprio ruolo, per un calcio sempre piu’ giusto»

Leggi anche:   Meteo Toscana: codice giallo per temporali fino alle 14 di sabato 4 luglio