Karachi: aereo con 107 a bordo precipita, qualche sopravvissuto

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Un aereo pachistano è precipitato poco prima del suo atterraggio all’aeroporto di Karachi. L’aereo proveniva da Lahore e aveva 107 persone a bordo tra passeggeri e membri dell’equipaggio: lo ha reso noto il ministero dell’Aviazione pachistano, secondo quanto riporta la Cnn. Media locali riportano inoltre che il velivolo è caduto in una zona residenziale. L’aereo aveva riportato un “problema tecnico”, ha detto il portavoce della compagna Pia, Abdullah Khan, in una dichiarazione video, riporta Sky News. “L’ultima cosa che abbiamo sentito dal pilota è che aveva un problema tecnico”, ha detto Khan: “E’ un incidente veramente tragico”.

Alcuni passeggeri sono sopravvissuti. Tra di loro Zafar Masud, presidente della Banca del Punjab. I familiari hanno postato fotografie del congiunto in ospedale. Le autorità hanno precisato che sull’Airbus viaggiavano 91 passeggeri e 7 membri di equipaggio. Non è chiaro se tra i morti e i feriti vi siano anche abitanti delle case investite dall’aereo.

Secondo testimoni oculari l’aereo avrebbe cercato di atterrare due o tre volte prima di cadere nella zona densamente popolata di Model Colony, che si trova ai margini dell’Aeroporto Internazionale di Jinnah. Secondo un residente, Abdul Rahman, l’aereo ha fatto almeno tre giri sopra lo scalo prima di precipitare. Da parte sua, un funzionario dell’aviazione civile pachistana ha detto che il velivolo potrebbe avere avuto un problema al carrello, ma non si conoscono ancora le cause della sciagura.

Le immagini trasmesse dalle tv locali mostrano fiamme e un denso fumo nero sul luogo in cui è caduto l’aereo e secondo alcuni media sarebbero state colpite anche “numerose” abitazioni. Sempre secondo i media locali la comunicazione tra l’aereo e la torre di controllo dell’aeroporto di Karachi si è interrotta un minuto prima dell’atterraggio.

Leggi anche:   Coronavirus, Spagna: il premier Sanchez critica l'Italia, ha riaperto troppo presto