Coronavirus: Germania, 176.752 contagi e 8.147 morti; Spagna 232.555 contagi e 27.888 morti, Francia 28.132 morti

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

La Germania ha registrato 745 nuovi casi di Covid-19 in un giorno che fanno salire il totale dall’inizio dell’epidemia a 176.752, mentre i decessi sono stati 57 e portano le vittime complessive a 8.147. I dati odierni del Robert Koch Institute sono inferiori a quelli notificati ieri, ovvero 797 casi e 83 decessi. I pazienti guariti sono 1.100 a un totale ad oggi di 158mila. In base ai dati di ieri il tasso di letalità del coronavirus e’ del 4,6% e l’indice di contagio è stimato allo 0,88.

La Spagna proroga stato emergenza fino al 6 giugno Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha ottenuto la proroga dello stato d’emergenza fino al 6 giugno dopo che in parlamento aveva lanciato un appello all’unità per il bene del Paese. La camera dei deputati ha approvato il prolungamento con 177 voti a favore, 162 contrari e 11 astensioni. “Sono gli spagnoli che hanno fermato il virus insieme…nessuno ha il diritto di sabotare quello che abbiamo raggiunto insieme nel corso di queste lunghe settimane di confinamento”, ha detto Sanchez. Ieri la Spagna ha registrato 95 nuovi morti, il numero totale delle vittime è di 27.888 mentre il numero di positivi dall’inizio dell’epidemia è di 232.555.

Francia, 110 morti in ospedali e case di riposo, calano ricoverati in rianimazione Sono stati 110 i decessi per Covid-19 in 24 ore in Francia, fra i 98 registrati negli ospedali e i 12 comunicati da case di riposo e istituti per disabili. Lo ha reso noto, ieri sera, la Direzione generale della Sanità. Il totale delle vittime dall’inizio dell’epidemia è di 28.132. Continua il calo dei ricoverati – 527 di meno rispetto al giorno precedente, ed ora in totale 17.941 – e quello dei pazienti in rianimazione (100 in meno, totale 1.794, totale 1.794). “L’epidemia non è dietro di noi. Non molliamo gli sforzi” ha scritto il presidente francese, Emmanuel Macron, in un tweet rivolto ai concittadini alla vigilia del ponte dell’Ascensione. In tutta la Francia stanno crescendo i timori dei sindaci delle zone litoranee per il rischio spiagge affollate, tanto più che per questo week-end sono previste temperature estive. In Bretagna,diverse spiagge sono già state chiuse per il comportamento poco prudente dei cittadini e altre potrebbero seguire nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Altri 363 morti in Gb, boom di 177.000, via libera test clorochina

Si riassesta a 363, contro i 545 del giorno precedente, il bilancio ufficiale di giornata di ieri dei morti da coronavirus nel Regno Unito secondo l’aggiornamento del dicastero della Sanità. Il totale dei decessi accertato con i tamponi sale così a 35.704, anche se le stime dell’agenzia Pa, basate in parte sulle elaborazioni statistiche dell’Ons, l’Istat britannico, e allargate ai casi di morte sospetta da Covid-19, delineano ora un totale di 44.500 morti. I contagi complessivi si aggirano invece attorno ai 250.000, ma con curva confermata stabilmente in netta flessione. Mentre i test eseguiti balzano a 177.000. Ed è arrivato il via libera anche dalle autorità sanitarie britanniche all’avvio della sperimentazione della idrossiclorochina e della clorochina, farmaci usati comunemente contro la malaria e il lupus, ma che s’ipotizza possano avere un effetto positivo anche contro il Covid-19.

I primi trial sulle due sostanze – la cui efficacia non risulta ancora provata seconda l’Oms, ma il cui uso è già stato prescritto da alcuni medici americani e rivendicato pubblicamente per sé dallo stesso presidente Donald Trump – sono iniziati nel Regno a Brighton (presso il Brighton Hospital e il Sussex University Hospital) e al John Radcliffe di Oxford. Al momento si prevede di testare i due farmaci, incrociandoli con dei placebo, su diverse migliaia di operatori del sistema sanitario, tutti volontari, reduci da contatti diretti con pazienti infettati dal coronavirus.

Leggi anche:   Bekaert: Mugnai, D'Ettore (FI) e Cerza (Cisl) rispondono alla lettera aperta dei lavoratori