Coronavirus: Pasqua e Pasquetta in Toscana con negozi e supermercati chiusi. Tranne edicole e farmacie

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha firmato oggi un’ordinanza che dispone per la domenica di Pasqua e per il lunedì dell’Angelo, la chiusura, su tutto il territorio regionale, di tutti gli esercizi commerciali della piccola media e grande distribuzione, ad eccezione delle rivendite di
giornali, delle farmacie e delle parafarmacie. Nell’ordinanza si precisa che è fatta salva, nel rispetto della vigente legislazione emergenziale, la sola consegna a domicilio, esclusivamente mediante la prenotazione on-line o telefonica e non presso l’esercizio
commerciale, dei generi alimentari e dei beni di prima necessità.

A carico dei trasgressori esercenti l’attività commerciale non consentita, l’Autorità amministrativa potrà applicare la sanzione amministrativa della sospensione dell’attività da 3 a 15 giorni consecutivi, secondo i criteri di proporzionalità cui all’art.11 della Legge n. 689/81. Le polizie municipali, tutte le altre forze di polizia, gli agenti ed ufficiali di polizia giudiziaria, sono incaricati dell’osservanza e del rispetto dell’ordinanza.

Gilda Giusti

Leggi anche:   Commissione Ue: «Italia fornisca ai lavoratori adeguate fonti alternative di reddito»