Eurogruppo non dà il via libera all’uso di coronabond dal Mes. No della germania e dei paesi del Nord

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Dall’Europa, dopo il via libera al superamento del Patto di Stabilità, arriva una fumata nera. L’Eurogruppo, che avrebbe dovuto preparare la strada al vertice di Giovedì, approfondendo il confronto sul possibile uso di Coronabond e anche delle risorse del fondo Salva-Stati, il Mes, si chiude senza un documento comune.
Con un nulla di fatto e una strada che appare in salita per attivare altri interventi. In Italia nel frattempo si corre per fare arrivare il prima possibile a “tutti i lavoratori” gli aiuti del decreto Cura Italia, dalla cassa integrazione agli indennizzi per gli autonomi. Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri incassa il no degli europei e non nasconde di puntare più sullo scudo della Bce che sul Mes per poter mettere in campo tutte le risorse necessarie.
Fra le risorse a cui guarda il governo per finanziare le risorse contro lo shock economico del coronavirus c’è l’ipotesi di usare l’emissione di eurobond da parte del Mes, senza alcuna condizionalità, ha spiegato il ministro Gualtieri, in audizione sul decreto Cura Italia, ma anche per questo i falchi europei sono orientati per il no. Disco rosso per l’Italia, dunque. Ci vogliono far fare la fine dei greci.

Leggi anche:   Borrelli, coronavirus: 743 morti (totale 6.820), 3.612 contagi (totale54.030), 21.937 ricoverati, 3.396 in terapia intensiva