Migranti, è guerra fra Musumeci e il Governo sui 194 della Sea Watch

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Anche le regioni più ospitali ed accoglienti cominciano ad averne abbastanza dell’invasione tollerata dal governo giallorosso e realizzata tramite navi Ong. Alla notizia che Sea Watch sbarcherà il suo carico di 194 clandestini presunti naufraghi a messina il Governtore Nello Musumeci esplode, visto che anche Palermo è già alle prese col problema del coronavirus.

La contesa, adesso, rischia di travolgere il governo di Roma. Il presidente dclla Regione, Nello Musumeci, chiede al premier Conte che le 194 persone a bordo della Sea Watch 3 trascorrano sulla nave i 14 giorni della quarantena. Nel frattempo, l’imbarcazione della ong tedesca, ha puntato la prua verso Messina e stamattina è previsto l’attracco nella città dello Stretto. «Siamo felici di portare le persone soccorse a terra», afferma il team dell’ong, che avverte: «Mentre Sea Watch si dirige verso nord i 194 a bordo, altre due imbarcazioni sono in difficoltà al largo delle coste libiche. Chiediamo a tutte Ie autorità competenti di intervenire immediatamente. Non abbandonatele in mare». Questo il messaggio provocatorio della Ong che pretende di dettare legge e imporre all’Italia e a Malta politiche d’immigrazione a senso unico.

Intanto Musumeci si rivolge direttamente al primo ministro per evitare lo sbarco della Sea Watch 3. «Faccio appello al presidente Giuseppe Conte: in un contesto di allarme come quello attuale – sottolinea il governatore – suona come una sfida al popolo siciliano pensare di fare sbarcare altri 194 migranti. Una quarantenaa bordo è indispensabile». A terra, nell’hot spot di Pozzallo, dal 23 febbraio, 276 migranti stanno già trascorrendo i 14 giorni indispensabili per verificare la positività al Covid-19. Si tratta di 195 uomini, 14 donne e 65 minori, sbarcati domenica dall’Occan Viking, nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere. Questo è stato il secondo episodio avvenuto a Pozzallo, dopo l’emergenza del coronavirus. Il primo attraccodi una nave con i migranti porta la data del 2 febbraio, dall’Open Arms erano scesi a terra in 363, recuperati in mare in cinque operazioni di soccorso.

Dopo le affermazioni di Musumeci il segretario della Lega Matteo Salvini ha preso ovviamente la palla al balzo per dichiarare contro il Governo: «Ha ragione il governatore della Sicilia – afferma il leader del Carroccio – non è possibile che in un momento come questo il governo permetta lo sbarco di altre centinaia di immigrati, che l’Europa si svegli e se ne faccia carico».

Leggi anche:   Borrelli, coronavirus: 595 morti (totale 17.127), 880 positivi (totale 94.067), 1.555 guariti (totale 24.392)