Conte-Macron a cena con Mattarella. Rilanciare rapporti bilaterali e Unione europea

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Si e’ concluso a Napoli il XXXV vertice italo-francese che ha visto a Napoli la presenza del presidente francese Emmanuel Macron e del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, accompagnati dai ministri dei rispettivi esecutivi. In serata cena con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

In una dichiarazione congiunta i due presidenti hanno affermato la comune volonta’ di proseguire nel cammino storico dell’integrazione europea, rilanciando i rapporti bilaterali. I due leader hanno affermato che e’ essenziale che l’Unione europea diventi a tutti gli effetti un attore globale e si esprima in maniera unitaria, sostenendo anche iniziative come il rafforzamento della difesa europea. Necessaria, hanno sostenuto Macron e Conte, e’ anche la creazione di un gruppo di lavoro bilaterale dedicato alle sfide in materia di sicurezza nel Mediterraneo, e la cooperazione nel settore spaziale. Per Francia e Italia inoltre resta una priorita’ la stabilita’ a lungo termine nel Mediterraneo dell’Africa sub-sahariana, cosi’ come il rilancio del capitolo meridionale della politica di vicinato dell’Ue (governance democratica, clima e ambiente, sicurezza e migrazioni).

In Libia, hanno sostenuto i due presidenti, non vi puo’ essere una soluzione militare al conflitto in corso. Italia e Francia sostengono con convinzione il percorso definito dalla Conferenza di Berlino, con i due governi impegnati al rispetto dell’embargo sulle armi. In tema di immigrazione Macron e Conte hanno sostenuto che l’Ue debba superare una gestione delle crisi in chiave emergenziale promuovendo una politica realmente europea di migrazione e di asilo, basata sulla solidarieta’ e responsabilita’ per tutti gli Stati membri. I due Paesi sosterranno lo stanziamento di adeguate risorse nel prossimo bilancio europeo 2021-2027, cosi’ come la cooperazione nel campo della criminalita’organizzata transfrontaliera. Sul fronte economico invece i leader dei due Paesi hanno convenuto sull’obiettivo primario di una crescita sostenibile e inclusiva e la necessita’ di compiere progressi rapidi nella governance economica dell’Unione europea. Tra le priorita’ indicate anche l’accelerazione nella transizione verso la neutralita’ climatica al 2050, sostenendo il patto verde per l’Europa. I rappresentanti dei due Paesi hanno firmato nel corso del vertice di Napoli un accordo nel settore della cantieristica navale, nonche’ una dichiarazione di intenti per la ricerca polare. Una dichiarazione congiunta e’ stata firmata tra Bpifrance e Cassa Depositi e Prestiti, mirato a sviluppare strumenti finanziari franco-italiani. «La componente economica dei nostri eccellenti rapporti bilaterali rappresenta sicuramente uno dei fiori all’occhiello dei nostri rapporti», ha detto Conte.

«Italia e Francia sono partner irrinunciabili l’un l’altro, e nel 2019 l’iterscambio ha registrato un ulteriore incremento, siamo intorno agli 86 miliardi di euro. Sono dati piu’ che incoraggianti. I nostri Paesi hanno delle economie complementari fortemente integrate. Italia e Francia insieme rappresentano il 25% di tutti gli investimenti in ricerca e sviluppo a livello europeo», ha aggiunto. Sull’emergenza coronavirus In Italia sia Macron che Conte hanno ribadito la necessita’ di una cooperazione europea e nazionale, con il leader dell’Eliseo che ha sottolineato come non sia necessario, citando il parere degli scienziati, chiudere le frontiere con l’Italia. La mattinata del presidente francese, accompagnato dal presidente del Consiglio Conte, e’ cominciata con una visita allo storico teatro San Ferdinando. Macron ha ricordato la figura di Eduardo De Filippo anche nel corso della conferenza stampa congiunta – ha dato tanto a Napoli e all’Europa –
ricordando come da sempre il capoluogo partenopeo ha ispirato poeti, artisti e letterati, aggiungendo sono fiero di essere qui. Il presidente francese dal teatro San Ferdinando si e’ spostato in piazza San Domenico dove ha fatto visita prima al laboratorio dell’artista partenopeo Lello Esposito, poi ha visitato la Cappella San Severo e, prima di raggiungere Palazzo Reale, sede del vertice, ha gustato un caffe e un baba’ allo storico Caffe’ Scaturchio.

Leggi anche:   Coronavirus, Parma: il buono alimentare solo agli antifascisti, protesta FdI

Una curiosità, ecco il menù della cena di gala offerta dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a Palazzo Reale, a Napoli, in occasione del XXXV vertice italo-francese, alle due delegazioni guidate dal premier Giuseppe Conte e dal Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron:

Menù: Millerighe con gamberi, a seguire pezzogna con olive taggiasche, patate, pomodorini e carciofi. E per finire babà -nella migliore tradizione napoletana- con frutti di bosco.